Dove mangiare a Bordeaux: i migliori ristoranti e bar

Bordeaux è una splendida città francese situata ad una sessantina di km dalla costa atlantica, e, se c’è una cosa che non le manca, sono i bistrot e i ristoranti; ce n’è veramente per tutti i gusti, ciascuno con uno stile curato e originale. Sembra addirittura che in questo campo Bordeaux vanti un primato: sarebbe la città francese con maggior numero di ristoranti per abitante.

Per quanto riguarda la qualità di piatti e bevande, Bordeaux rappresenta una meta enogastronomica di tutto rispetto, basti pensare al suo pregiato vino che si merita di essere accompagnato da piatti di alto livello. Per chi se li può permettere, ci sono un paio di chef stellati in città, entrambi a place de la Comédie, Gordon Ramsay e Philippe Etchebest.

Io ho gusti forzatamente meno dispendiosi; durante il mio viaggio mi sono concentrata sui locali che offrivano le location più interessanti. Non ho cercato ristoranti vegetariani, perché quasi tutti i menù offrivano opzioni per chi, come me, non mangia né carne né pesce. I ristoranti e i bar li ho scovati grazie alle guide (Lonely planet, Routard e Giunti) e soprattutto ai consigli dei bloggers bordolesi, consultati online prima di partire. Ecco quindi le mie dritte per un itinerario gastronomico sorprendente in quel di Bordeaux. C’est parti!

L’Autre Petit Bois

Per iniziare, che ne dite di gustarvi un bicchiere di Bordeaux nel bosco delle favole? Lo potete fare nella graziosa place du Parlement, cuore dello storico quartiere Saint-Pierre; qui si trova un bar à vin e restaurant pieno di charme, che porta il suggestivo nome di L’Autre Petit Bois.

Una location dai toni intimi e misteriosi accoglie i clienti, che qui si sentono quasi sul set di un film fantasy. Sospesi tra art decò e barocco, gli arredi di questo locale sono originali ed eleganti, senza scadere nel kitsch. Ci si può accomodare nelle belle poltrone damascate o sui morbidì sofà, per poi gustare vini e piatti sfiziosi sotto alle chiome degli alberi. Candelieri in ferro battuto, vecchi lampadari di cristallo e muri ricoperti di stampe d’epoca sapranno infondere un’atmosfera romantica al vostro pasto.

Sul menù troverete piatti da bistrot, non troppo elaborati; quindi una larga scelta di tartines (una sorta di bruschetta, ma meno croccante), insalate, uova, cupcakes e diversi altri piatti golosi. Io ho provato la tartina alla siciliana (circa 15,00 euro, compresi l’acqua e il caffè), con melanzane, pomodoro e formaggio. Très bonne, gnam!

L’AUTRE PETIT BOIS

12 place du Parlement, Bordeaux

Aperto da lunedì a domenica dalle 11h a mezzanotte

Magasin General

Un po’ fuori dal centro di Bordeaux, Magasin general offre una delle location più spettacolari di Bordeaux. Si tratta di un Bistrot-Réfectoire (ristorante self-service) ed Épicerie (negozio di alimentari), aperto a colazione, pranzo e cena; fa parte del complesso del progetto Darwin, una sorta di laboratorio urbano ospitato nei locali dell‘ex caserma Niel. Con l’ambiziosa idea di conciliare economia ed ecologia, si sono riconvertiti gli ambienti in disuso in locali di tendenza. Il ristorante è un luogo giovane e alternativo, tra gli arredi vintage, l’ambiente stile industriale ed i prodotti bio. Ci si può sedere sui divani di cuoio consumato o sulle sciccose poltrone barocche; in alternativa, c’è persino una tenda sotto cui sdraiarsi!

Impossibile mangiare qui nel weekend, senza la prenotazione; io mi sono dovuta accontentare del bar all’esterno. Un semplice panino, niente di eccezionale, e l’acqua bottiglia; la spesa mi sembra si aggirasse sui 7- 8 euro.

Ci sono diverse panchine e tavoli all’aperto dove consumare il pasto, ammirando la fauna umana locale, eccezionalmente varia: giovani alternativi, turisti, adolescenti con lo skate sotto braccio e famiglie coi passeggini. Dopo il mio essenziale pranzetto, mi sono goduta una bella passeggiata tra le piste di skateboard e le gallerie d’arte. Un luogo che lascia il segno e che consiglio di visitare.

MAGASIN GENERAL

Bâtiment Nord, 87 Quai des Queyries,  Bordeaux

Aperto  giovedì, mercoledì e venerdì,  dalle 8h30 a mezzanotte; sabato dalle 10h a mezzanotte; domenica dalle 10h alle 18h; lunedì e martedì dalle 8h30 alle 18h.

Le 7

Nel palazzo avveniristico della Cité du Vin, un museo interamente dedicato al vino, si trova il ristorante panoramico Le 7. Elegante e moderno, ha tra i suoi pregi una vista favolosa sul Bordeaux e il Port de la Lune, dal momento che si trova al 7° piano dell’edificio.

Si può fare colazione, pranzare o cenare. Per gli appassionati di vini deve essere un must: sulla carte ce ne sono più di 500! Io l’ho testato per il mio petit-déjeuner, ordinando le viennoiseries e un cappuccino, con la spesa di circa 7 euro. Le mini brioche erano piene di burro: buone, ma niente di speciale; ben fatto, invece, il cappuccino, fumante e schiumoso quanto basta. Il servizio non mi ha conquistata, perché ho trovato i camerieri scocciati e con una certa aria snob. Forse perché avevano già sgomberato per la colazione e stavano preparando per il pasto successivo? Ma io ero ancora in orario, cioè prima delle 11. Chissà! Mi sono consolata con la vista panoramica imbattibile, la migliore qualità di questo posto.

LE 7

Cité du Vin

134 Quai de Bacalan, Bordeaux

Aperto tutti i giorni dalle 9h30 alle 23h

Le Comptoirs Des Chats

Imperdibile per gli amanti dei felini, questo piccolo bar è stata la pausa più originale e divertente del mio viaggio a Bordeaux. Questo genere di locale, in cui quattrozampe e bipedi condividono allegramente lo spazio, si sta diffondendo in diverse città del mondo e da qualche tempo ha aperto i battenti anche nel capoluogo della Gironda. Pet-therapy e buon cibo sono un mix irresistibile e garantiscono il rapido aumento della produzione di endorfine nel cliente!

L’esperienza è del tutto particolare, come entrare in una dimensione rovesciata: qui sono i gatti a dettare le regole e non l’uomo. L’ambiente è totalmente “gattificato”, costruito intorno alle loro esigenze, a cominciare dell’ingresso. Quando ho varcato la soglia del locale, infatti, mi sono ritrovata in un piccolo atrio dove un cartellone mi suggeriva di suonare il campanello ed attendere; frattanto, potevo utilizzare il dosatore a fianco della porta per igienizzarmi le mani, in modo da evitare di portare all’interno batteri dannosi per i mici. Un cameriere – look hippy e voce suadente – è poi venuto ad aprirmi, spiegandomi le regole della casa: non bisogna dare da mangiare ai gatti e non si deve usare il flash della macchina fotografica. Poi mi ha fatto accomodare ad uno dei tavoli, dove mi ha proposto il menù del giorno, scritto sulla classica lavagnetta. In quell’occasione c’era un menù a 12,50 euro con un paio di scelte per portata; io scelgo quiche, insalata, sciroppo artigianale alla frutta come bevanda  e mousse al cioccolato come dessert.

Si è rivelato un pranzo eccellente, la quiche in particolare era gustosissima. La cosa più gratificante che offre questo posto, però, è l’interazione con i felini, i veri re del Comptoir che si fanno accarezzare (quando vogliono loro!) e ammirare. Si arrampicano sulle mensole, ronfano sotto ai tavoli, si fanno le unghie sulla poltrone, felici di dare spettacolo in un’apoteosi di narcisismo felino. Sono circa una decina e vivono qui in pianta stabile; per chi arriccia il naso pensando agli odori dei gatti, specifico che non si sentiva nulla, a parte le fragranze dei cibi che uscivano dalla cucina.

Per conoscere i nomi dei mici, basta guardare una delle pareti del locale, dove sono appese le loro foto come fossero delle autentiche star. Il mio preferito? Una Maine Coon regale, veramente magnifica, di nome Lily, che è venuta a mordere il mio zaino e a farmi le fusa tra i piedi. E’ una delle razze feline di maggiori dimensioni che esiste sul pianeta ed è di una bellezza mozzafiato: occhi di smeraldo e coda lunghissima e folta. Per un attimo ho pensato di infilarmela nello zaino e scappare via…!!

LE COMPTOIR DES CHATS

8 Rue Pierre de Coubertin, Bordeaux

Aperto tutti i giorni, tranne la domenica e il lunedì, dalle 12h30 alle 19h.

Brasserie Le Plana

E’ situata nella vivace place de la Victoire, dove si trovano numerosi locali. Secondo la Lonley planet è l’unica veramente degna del nome di Brasserie e offre gustosi piatti tradizionali. La mia cena qui, molto comoda dato che il mio appartamento di Airbnb era a due passi, ammetto che non è stata un granché. Essendo un ristorante di stampo tradizionale, sul menù c’erano molti piatti a base di pesce e di carne, mentre non erano previste molte alternative per i vegetariani; il cameriere mi ha proposto solo un’insalata alla nizzarda, senza tonno e acciughe.

La porzione era abbondante, con verdure crude e cotte, e uova sode ripiene di salsa. Per 22 euro -con un calice di Bordeaux e acqua in bottiglia- ho mangiato insalate decisamente migliori, anche se l’aspetto prometteva bene. Nei tavoli vicini ho notato che sfilavano piatti di pesce particolarmente ricchi ed elaborati, di cui i clienti parevano molto soddisfatti; se amate il genere dunque, credo sia un ottimo indirizzo da annotarsi.

BRASSERIE LE PLANA

22 place de la Victoire, Bordeaux

Aperta tutti i giorni dalle 8h alle 2h (pranzo 12.15).

Wok to walk

Questa catena di cibi asiatici cucinati nelle classiche padelle wok, si trova nella trafficata rue Saninte-Catherine, una strada lunghissima che attraversa il centro cittadino, piena di negozi, bar e takeaway. Al wok to walk ci si può fermare a consumare il pasto in uno dei tavolini o portarsi via il cibo pronto. Si fa l’ordinazione creando il proprio piatto in tre step: prima si sceglie tra la base (noodles e uova, riso, spaghetti, etc.), poi si aggiunge il proprio ingrediente favorito (tofu, bacon, etc.) e infine la salsa.

Io ho scelto il vegetable dish, con tofu e salsa bali (circa 8 euro con bottiglietta d’acqua). Ho atteso per una decina di minuti; quando hanno chiamato il mio nome, richiesto alla cassa al momento dell’ordinazione, mi hanno consegnato il piatto fumante dentro il tradizionale involucro di cartoncino, come si vede nei film americani. La cucina non è grassa e unta come quella delle rosticcerie cinesi italiane; il mio tofu con verdure era leggero, saporito e super digeribile. L’ho divorato! Non sono l’unica ad apprezzare questo takeaway, dato che c’erano anche molti altri clienti e diversi giovanissimi corrieri di deliveroo, il servizio che fornisce velocemente cibo a domicilio.

WOK TO WALK

266 Rue Sainte-Catherine Bordeaux

Aperto da giovedì a sabato dalle 11h a mezzanotte e da domenica a lunedì dalle 11h alle 23h.

Baillardran

Sono entrata in uno dei locali della catena Baillardran, per vivere un’esperienza culinaria tipica di Bordeaux. Qui, dove tutto è colorato di rosso o fucsia, come se lo avesse ammobiliato un arredatore sotto acido o Andy Warhol, si possono assaggiare les canelés bordelais, i dolcetti tradizionali simili a dei babà. Ne esistono diversi tipi, come non mancherà di illustrarvi la commessa.

Mettendosi a sedere in uno dei tavoli, la sentirete ripetere instancabile le stesse informazioni, ogni volta che entra un nuovo cliente; mantiene sempre una serietà granitica come se parlasse di salvare delle vite. A me il canelé, non me ne vogliano i bordolesi, non è piaciuto. Mi sono gustata però un macaron alla fragola, pieno di coloranti, ma che era una cosa speciale, provare per credere!

BAILLARDRAN

Cours du XXX juillet, Bordeaux

Aperto da lunedì a sabato dalle 8h alle 20h, la domenica dalle 9h alle 19h30.

Lascia un commento