Primavera: mete spettacolari, piccoli budget

Con le temperature miti della primavera appena arrivata, sentiamo qualcosa di frizzante nell’aria, che ci solletica l’immaginazione: è la voglia di viaggiare, possibilmente verso mete favolose, piene “di sole e d’azzurro”, per citare la canzone di Giorgia. Ecco qualche destinazione “prêt-à-partir” , con particolare attenzione al budget, perché vogliamo viaggiare anche quest’estate, è ovvio!

Bled, Slovenia

Chi l’ha detto che per vedere uno dei panorami più belli del mondo bisogna fare ore di aereo e spendere molti soldi? A poca distanza dall’Italia, raggiungibile in auto, c’è un luogo dal fascino sublime: il Lago di Bled.

E’ magnifico in ogni stagione, anche perché il suo clima subalpino la mantiene fresca anche d’estate; tuttavia in primavera troverete meno turisti e prezzi più bassi che in alta stagione. Una gita in barca sulle acque calme del lago, che a seconda dell’ora della giornata si colora delle tonalità verde smeraldo o blu cobalto, vi porterà sull’isola centrale, dove si trova un antico santuario. Da qui potete ammirare da lontano il profilo del castello, Blejski grad, appollaiato in cima ad un promontorio di 130 metri a strapiombo sul lago. Non si può evitare la tentazione di una fetta della Torta di Bled, una millefoglie di pasta sfoglia, crema alla vaniglia e panna montata: una vera bomba!

Altre esperienze invitanti da fare in zona sono le terme, in cui la Slovenia eccelle, oppure, per gli amanti della natura, la Gola di Vintgar (a 4 km nord-ovest), con le sue favolose pareti di roccia scavate dal fiume. La passeggiata è facile e adatta anche ai bambini, con le dovute precauzioni. Partenza consigliata:  maggio/giugno.Qui potete leggere il mio diario di viaggio in Slovenia.

Atene, Grecia

Io l’ho scoperta l’anno scorso ad aprile: calda, ventilata, meravigliosa. Tirate fuori dai cassetti canottiere e shorts e partite con uno dei voli low-cost di Ryanair per Atene, non potete prendere decisione migliore. I costi degli alloggi, così come del cibo sono piuttosto bassi. Una volta approdati nella capitale greca, potrete passeggiare nell’Acropoli, il colle sacro dove svetta ancora il Partenone, o nell’antica Agorà, la piazza dove insegnava Socrate; poi dedicate qualche ora ad uno dei suoi incredibili musei archeologici. Esplorate anche la Plaka e il coloratissimo Mercato delle pulci di Monastiraki, per riportare qualche souvenir a casa; a Technopolis troverete le nuove tendenze, concerti e mostre in spazi industriali di grande fascino.

Quanto alla cucina, in Grecia troverete tavole imbandite con piatti mediterranei freschi e saporiti. Le allegre terrazze dei ristoranti, coi loro tavolini colorati sistemati all’aperto, sono uno dei piaceri che Atene regala al turista; lo street food è un’alternativa appetitosa, l’ideale per chi non vuole rinunciare al gusto e allo stesso tempo deve stare attento al portafoglio. Un pita caldo, il pane rotondo e morbido della tradizione greca, ripieno di verdure, hummus e salse aromatiche vi delizierà per soli 3,00 euro!

L’atmosfera hippie e rilassata farà il resto. E’ possibile anche prendere il bus fino alla spiaggia di Glyfada, lungo la Costa di Apollo, per godersi il Mediterraneo. Una fetta d’estate già pronta, da afferrare subito. Il mio viaggio ad Atene, lo racconto qui.

Roma, Italia

In estate fa troppo caldo, molto meglio scoprire ora le infinite bellezze di Roma. Prenotate una buona tariffa con Italo o raggiungetelo con Trenitalia, magari aggiudicandovi un biglietto in super-economy. Arrivati alla Stazione Termini siete già in centro; invece i bus, pur essendo economici, come Flixbus, vi lasceranno un po’ fuori, alla Stazione Tiburtina.

Una volta arrivati, ci si può perdere sulla via Appia Antica, tra mausolei e resti di antiche ville, pranzando in qualche osteria caratteristica; gli spaghetti cacio e pepe vi rimetteranno in forze dopo la lunga passeggiata. Nel pomeriggio perché non dedicarsi alla città sotterranea, quella delle catacombe che si trovano proprio in questa zona? Per me è stata un’esperienza misteriosa e appassionante, da batticuore. Per chi vuole restare in superficie, ci sono naturalmente splendidi musei, alcuni ancora poco conosciuti rispetto ai più famosi, come il Museo etrusco di Villa Giulia.

Al Complesso del Vittoriano invece è ospitata fino al 16 luglio una mostra stupenda, che vi immergerà tra le piume ed i corsetti della Belle Époque grazie ai ritratti di Giovanni Boldini. Come se non bastasse al Museo di Roma in Trastevere sono esposte fino al 18 giugno le fotografie di Vivian Mayer, per un tuffo nostalgico negli anni 50′. L’ideale è partire per Roma da adesso fino a giugno: poi la temperatura inizierà a diventare bollente…

Buon viaggio!

Lascia un commento